E Labas che dice ?

L’ ho persa. Era una foto di Parigi, subito prima del coronavirus. In centro, non ricordo dove. C’ era un palazzo e un cantiere. Con , a fianco , un edificio .Di quattro piani , tutto di container . Stava bene, anche lí , in una piazza storica. Era momentaneo . Appena finiti i lavori era da smontare e riusare altrove.Mi è tornato in mente giorni fa. Leggevo Repubblica , un articolo di Valerio Varesi sui ‘Prati di Capraia’ . Che è un’ex zona abbandonata , divenuta bosco spontaneo. Lo vogliono lottizzare. Farci delle villette, con la scusa che parte del verde sarà pubblico. Tipo periferia di Varese. Non è questo che manca, a Bologna . È l ‘edilizia ‘ sociale’ . Cioè bilocali presentabili, a 400 euro al mese. Vicini al centro . Come quello di un video di uno studente olandese , su YouTube. Che presenta entusiasta la sua casa container . Ad Amsterdam , in un enorme studentato. Andrebbe replicato a Bologna. Dove ? Sotto lo dico.
.
A 400 metri dalla Stazione c’è una ex area industriale . Abbandonata e immensa. A disposizione del comune. Dentro ci starebbe ,quasi ,‘’City Life’’ , il nuovo quartiere di Milano. Quello dei grattacieli . Questa area si chiama Dumbo. Finirá usata per eventi e sagre. Ben reclamizzati e subito dimenticati . Peccato , perché è una manna. Pari al bosco dei Prati di Capraia . Sarenbe perfetto per l ‘ edilizia sociale . Sul modello dello studentato di Amsterdam . In sostanza : case popolari ,ma belle e ‘fighe’ come uscite dalla IKEA.
Perché non interessa a nessuno?
E i centri sociali che dicono?

Lepida a chi la merita

Ricevo una mail  dal Comune di Modena. Mi chiede  di rinnovare il ‘fascicolo sanitario elettronico’. Che è una cosa di utilità nascosta.

Che qualche scettico paragona alla ruota  quadrata e alla motocicletta a pedali. ‘ Lepida’ , la sua nuova versione ,  è tanto laboriosa .  Ed è giusto così. Perché sarà non per tutti ma per chi la merita.Così dichiara Ludovica Carla Ferrari. Il problema sarà scremare gli utenti meritevoli. Già pronto un suggerimento, dai ragazzi di Modena Smart. Per rafforzare la motivazione dei richiedenti.

È una lista di dati da fornire, in aggiunta a quelli vecchi : codice fiscale dei parenti fino al sesto grado , mappa catastale delle loro case, la  pagella  del terzo trimestre della seconda media. Assieme al codice fiscale degli insegnanti, si capisce. Piú ambiziosa Ludovica Carla Ferrari. Che dichiara :

‘’ Non c’ è , anche tra gli aspiranti utenti , il tema della disparitá di genere ? Dovrei essere ‘gender blind ‘  ? Per me no.

Darei , potendo, la priorità all’utente donna. Alla donna giovane che lavora. Che lavora e studia. Che lavora , studia ed è in cinta di sette mesi. O che è in cinta di otto  , lavora , studia e  fa la trapezista al  Circo Togni.”

Scartata , al momento , l’ altra proposta . Sempre del gruppo Modena Smart. Che vorrebbe una passeggiata certificata, sui carboni ardenti. Giudicata di gusto televisivo e vecchiarella.

Comunque il messaggio di Lepida.it è chiaro :

innovazione digitale a chi la merita.

Perché , come ripete Ludovica , bisogna guadagnarsele le cose, diosanto.

La zia di Bonaccini : dal quartiere operaio a Oliviero Toscani puntata 1

Puntata 1

La zia di Bonaccini:

dal quartiere operaio

a Oliviero Toscani

È davanti al Mercato Ortofrutticolo di Modena. Nell ‘enorme parcheggio di Via Gandhi. All’ esterno sembra un tendone da fiera, o una piscina coperta.  C’ è una bacheca e un tavolo con  locandine . E intorno i volontari di Modena city life. Io sono qui per  documentarmi .

 Per vedere questa ‘Para – Coop ‘. Che è la risposta del gruppo ‘ Modena smart’ , del Comune di Modena , all’ emergenza coronavirus. Prima di venire ho aperto la app Easy Coop, sul telefonino. Ho fatto la spesa e pagato . Come su Amazon, identico. Alla fine la schermata mi chiede : ‘Dove ritiri? ‘ .

E mi da tre scelte : esterno  Portali , Mercato ortofrutta e infine ‘’ Altro” . Io scelgo Mercato. Ed eccomi qua, a ritirare in Via Gandhi, al tendone . C’è un banchetto all’ingresso . Come per le raccolte di firme. Una ragazza si alza, mi dá un volantino e mi dice cosa fare. Cioè mostrare  la ricevuta all ‘ operatore  . Che entra , prende il carrello e me lo consegna . Tutto qua.

Bene. Io le dico che sto scrivendo questo post. Lei mi previene . Mi dá  le risposte alle domande frequenti . ‘Sempre le stesse. ‘  dice.

“Partiamo da ‘Carrelli facili ‘, che è l’iniziativa gemella , ai Portali.  È nel retro , all ‘ingresso del magazzino. All ‘interno fanno tutto. Grazie a personale specializzato . I clienti ‘normali ‘  neanche li vedono. Ogni giorno 100 consegne. Non uno scherzo.”

No, faccio io.

Poi continua . Per farla corta dice che  ‘’Para Coop”  é piú grande di   “Carrelli facili “. Gestisce duecento carrelli al giorno. Nella stessa fascia oraria . Cioé dalle 18 alle 20. Poi dice che la pandemia ha travolto tutti.  Ma per loro , quelli di Modena smart , è un esame atroce . E ci sarebbe da fare un discorso . Ma si interrompe.

Sta arrivando gente. E dice:

“Facciamo cosí . Io le dó un numero di Skype. Chi risponde sa tutti i retroscena. E parlerebbe per ore’’

‘’É questa signora.”,dice. E indica il manifesto ormai famoso, di Oliviero Toscani. Dove si vede il carrello colmo e lo slogan ( i fatti parlano piú forte della parole) .

‘’ È la zia di Stefano Bonaccini. Abita in Via Gramsci. Le spiega come è nato  tutto. E le novità di Para Coop. Vedrá che roba. Tutto questo è ancora niente. ‘’

(continua)

Lettera a Ludovica Carla Ferrari

        

Chiedo 2 minuti , come cittadino. Per riflettere su un fatto. Tra poco dovró uscire di casa , come i peggiori podisti . Per attraversare Modena e avere una ricetta cartacea. Nonostante abbia il ‘fascicolo sanitario elettronico’. Che non serve per le ricette ripetitive , se non sono mutuabili. In pratica una presa in giro .Perché ?  Chi ha preso questa decisione? Perché nessuno se ne è accorto?  Non meriterebbe un servizio delle Jene? O una seria inchiesta della Gazzetta di Modena?

Poi. Dovró fare la fila  alle poste. Per una raccomandata. Nonostante abbia Poste-Cert . Il cui utilizzo è infernale. E mi fermo qui . Potrei continuare con il trasporto urbano . Non esiste una app che mi faccia vedere il mio autobus in tempo reale . Come una lucina su una  mappa . Che mi dica , sempre in tempo reale , i posti liberi. Cosí , in una emergenza sanitaria, ognuno  fa le sue scelte. In base a salute , inclinazione al rischio e altro .

Cara Ludovica Carla Ferrari , la sua  ‘Modena smart’ sembra bella. Lo dico senza ironia. A patto che funzioni. Così sembra Il nuovo ponte di Genova. Luccicante ma non utilissimo: manca l ‘ ultima campata. Quando la mettiamo?

Io, come cittadino, non sono disastrato del tutto. Ricevo Repubblica e il New York Times sul telefonino. Pago con Google Pay etc. ( c’ è di peggio, dai). Ma davanti alla raccomandata on line mi arrendo. Faccia Lei. \

Buona giornata.