Lettera a Sumaya

Nel suo post del 26 ottobre dice ( riassumo ) : ‘’ La Francia mi preoccupa. Ha un modello di integrazione che esclude le pluralità religiose. Non capisce che i mussulmani sono , come gli altri , vittime del fanatismo religioso. “
Ok. Sarebbe un discorso lunghissimo. Ma arrivo al punto . L ‘antropologa Matilde Callari Galli ripete sempre una storia. La madre di Gandhi , dice , era una contadina analfabeta. Quando il figlio le parlava di diritti lei diceva di non capire. Perché vedeva i diritti come l ‘ altra faccia di una stessa moneta . Che è quella dei doveri . I diritti , da soli ,non esistono . Se non legati a doveri diventano soprusi. La laicità è , diciamo , questa moneta . Permette , ogni mattina , un piccolo miracolo , davanti alle scuole francesi . Dove le ragazze mussulmane fanno due gesti , bel legati tra loro : si tolgono il velo quando entrano , lo rimettono quando escono. E per gli altri studenti è lo stesso : i simboli religiosi deposti all ‘ ingresso e ripresi all ‘ uscita.

Come dire : nello spazio pubblico ” sombolico” , diciamo , come scuole tribunali etc. vesto come devo. Nel privato faccio come mi pare.

È cosí terribile ? Se portano veli crocifissi e attrezzature varie a scuola il messaggio é sbagliato. Significa che le istituzioni sono polireligiose , non laiche .
.
Chi  rifiuta di togliere il velo a scuola è ……una terrorista no , certo . Peró è una fanatica .  Che ha giá fatto scelte radicali a monte. Rifiutando i diritti civili , piú o meno . L’oscurantismo cattolico è più che sufficiente. Non ci serve la sua variante esotica.

La barca dei Casamonica ?

Un salone nautico proprio a Bologna. Che di mare ne ha poco. Ma che importa. È una notizia buona. O almeno neutra. Che di questi tempi è tanto. Costa poco, posso andarci in macchina e cambiare pensieri. Ci vado. Su strada normale. Parcheggio a un chilometro. Ho l’ app Easy Park , che è un gioellino . Niente ricerca di parchimetro e monetine . Vado. Bologna è sempre lei . Un pó meno gente , sí . Che diventa molta meno gente all’entrata . Lá dove ci sono gli autobus. Per dirla tutta è deserta. Mi viene il sospetto che il salone sia chiuso. Invece no. È solo semideserto . Io vedo due padiglioni in tutto . Mezzi vuoti. Al posto del pubblico gli operatori . O gente del giro . Lí per scopi precisi. E le barche….Ecco. Io ero venuto per quelle a vela. Da 7 a 18 metri. Che costano come macchine di lusso modesto . Non una Ferrari ma una Volvo , per capirci . Che poi usate ce ne sono di ghiotte . Anche sui 15000. E le spese di gestione sono basse. Alla portata di un impiegato. Ecco , dove sono ? Chiedo al primo stand. ‘’ Ma scusi , è per barche a motore . Non lo sapeva ? “ , mi risponde. No , non lo sapevo. Ma ormai son qui . E mi guardo intorno . È tutta roba costosissima . E strana . Tipo gommoni enormi , all ‘apparenza inaffondabili . Con motori fuoribordo grandi come una Smart. Ma chi li compra ? I Casamonica ?Un utente medio no. Riesco a pensa solo a contrabbandieri e scafisti di Lampedusa . Che , da qualche parte il motoscafo lo devono comprare. E lo trovano più facilmente qui che in tabaccheria. Niente. Esco in fretta . Nel piazzale vuoto. Volevo staccare la spina . Dimenticare il covid . Invece niente. Qui tutto lo ricorda. Dentro la fiera e fuori. Ma è colpa mia . Come ho potuto immaginarle ? Pensare , cioè , che un salone fosse staccato dal mondo ?

Il sogno di DUMBO hotel

E’ martedì 13 ottobre 2020 e ho fatto un sogno. Apro Repubblica , edizione di Bologna. Giuseppe Baldessarro parla dell ‘inaugurazione di ‘’Student hotel’’. Che non è un ostello ma un albergo . Con stanze belle ma a 590 euro al mese. C ‘ era un rinfresco per il quartiere.
A un certo punto arrivano in 4 , seguiti da un gruppo. Due si staccano , vanno dal direttore . Spuntano cartelli e slogan . La polizia interviene e tutto si ferma. Era una protesta del Cua e dei collettivi. Cosa chiedevano ? La moltiplicazione dei ‘Dumbo hotel ‘’ e non degli ‘Student hotel “. Perché ? Cos’è ‘’ Dumbo hotel “ ? Un passo alla volta.
.
In pratica : Dumbo hotel è una copia aggiornata di Keetwoven . Che è una ‘Casa dello studente ‘’ di Amsterdam. Che può essere smontata e rimontata.Fatta di 1.034 container riciclati . Affittati , tutto compreso , a 400 euro al mese. Esempio perfetto di economia circolare . Il tutto nella gigantesca area ( 40.000 metri quadrati ) di DUMBO , donata al comune di Bologna.A 600 metri dal centro. Da aggiungere un dettaglio .
” Dumbo hotel’ ingloba i dormitori pubblici. Chiusi in quanto superati e barbarici. Esattamente come i vecchi manicomi . Ci sarà uno spazio per le emergenze . Poi , dopo 3 giorni , ogni persona avrà un mini alloggio.
Tutto questo grazie a chi ?
.
In intesi estrema : a “ Repubblica’’ ( e la stampa liberal ) e al CUA ( e l’area antagonista). In che senso ?
Dumbo stava per essere sprecato . O meglio riempito solo ‘in vetrina’ .  Un evento qui e uno lá. Si parla solo di quello e 40.000 preziosi metri quadri finiscono con le ortiche invece che con case popolari. Repubblica lo ha denunciato . Mettendo sotto pressione , fra gli altri , la fantomatica  ‘ Fondazione Innovazione Urbana”. Che è tra i responsabili.
Valerio Varesi si è guadagnato il soprannome di “Stephen Sackur della stampa”. Sua frase preferita è : “attenzione politici . Il pubblico  è adulto. Non come dice  Berlusconi . Cioé  acritico , televisivo e con l’ etá mentale di otto anni”.
.
Poi spicca ‘’Coalizione Civica Bologna” . Loro lo slogan ’Assessori , meno fumo e più arrosto. Meno chiacchiere e più case” . Come dire “ Attenti. Teniamo Dumbo sott’ occhio”. Un circolo virtuoso, insomma. Stampa e antagonisti che dicono alla politica : rigate dritto o vi sputtaniamo e facciamo casino. Bello, vero?

P.S. E se non fosse più un sogno?

Lettera aperta a Modo infoshop

Modo infoshop è una libreria storica di Bologna. In pieno centro , dietro l ‘universitá . Un posto pensato bene . Ha libri , quadri , lavori di grafica che altrove non hanno. Bologna , per vivacità culturale, brilla. Regge il confronto con Parigi e Amsterdam . Repubblica parlava di Modo info shop , giorni fa . In occasione del lancio di una loro collana . Di libri a bassissimo costo. Anche a 3 euro .Perfetti come regali e agili eBook su Amazon. Dove , però, non ci sono. Perché ? Facciamo finta che il digitale non esista ? Bene , comodo nell ‘ immediato . Ma a lungo termine ?
.
Cari librai di Modo infoshop , c’ è un intero continente di libri ma non solo . Fuori dal mercato , irraggiungibili . Una Atlantide analogica. Di cose , a suo tempo , discusse , vive. Di autori ormai ‘’storici’’ . Come Camilla Cederna . Il suo ‘’Lato debole’’ appartiene alla memoria collettiva . Anche di chi lo odiava. Non è ristampato , e questo ci sta. Ma non è su Amazon come ebook . E questo è uno è uno sfregio . Che nessun autore , di nessun catalogo , merita. Perché una ‘ristampa ‘ in formato ebook costa meno di un caffè . Ignorare un autore è una precisa scelta . Piú che libera , deliberata. Per la Feltrinelli è una palese ingratitudine e una macchia . . Piuttosto …..
.
C’è una zona grigia , ok ? Una casa editrice , poniamo , fallisce. Si porta nel baratro i suoi autori . Nessuno può ri-pubblicarli . Io trovo un loro libro su internet. Me lo stampo e lo tengo , in formato analogico. Commetto un reato ? Ma come faccio a comprarlo se non lo vendono ? E gli editori ? Hanno solo diritti ? Possono , in un’era digitale, ‘uccidere’ impunemente l ‘informazione , togliendola dal mercato ? Chi difende la libertá civile di informarsi di noi lettori ?
.
Da qui la mia ‘proposta indecente ‘ a Modo infoshop. Prendiamo ‘’Teta veleta’’ , di Laura Betti . Edito da Garzanti , introvabile. Mi trovate una versione su internet poi me la stampate ? Poi me la vendete per , poniamo, 20 euro . In contanti , su carta riciclata . Sarebbe illegale , certo . Una microscopica rivolta. Ma anche un atto di disobbedienza civile . A difesa di un diritto ( informazione a tutti ) ancora nella sua preistoria .
Ridete, se volete. Ma prima ci pensate un secondo , ok ?

Claudia Arletti e la morte del solare

E’ morta l ‘ Anest , associazione industriali dell ‘ energia solare. Lo racconta Claudia Arletti, in un appassionato articolo , sul ‘’Venerdí ‘ del 21 agosto. Che raccoglie il grido di dolore di Stefano Cianfoni , esponente di Legambiente . Che dice : “Abbiamo rottamato l ‘Anest per non modificare di un millimetro il paesaggio. “ E chiama la protesta di agricoltori e cittadini ‘’ psicosi territoriale di massa’’. Sará vero ? Vediamo. Prendiamo Dubai . Che ha , o avrà , l’ impianto forse più grande del mondo. Fornirá  700 megawatt , come quelli a gas o carbone.  Sará pronto tra un pó , nel 2030. E come superficie….immaginiamo  Central Park di New York , che è 3,14 Km quadrati. Ë da  ingrandire  un pó , moltiplicandolo 68 volte , più qualcosina . Per coprire 214 km quadrati esatti . È molto adatto , ad esempio , per  Palermo, che ha 673.000 abitanti . Avrebbe 68 Central Park coperti di pannelli . Non più un polmone verde gigante, è vero. Ma è  energia pulita. Di che si lamentano  ?
L ’ impianto  andrebbe in periferia. Che tanto è disagiata . Basta stringersi un pó . In quei condomini gremiti giá da prima. Rialzare qualche palazzone qua e lá. O meglio : rialzarli tutti , che poi fanno il condono.
La torre centrale dell ‘impianto è alta 206 metri. In effetti altina…Peró , anche qui : è questione di punti di vista . Per la nana da circo Loretta Napoleoni è una stangona . E poi quegli ulivi millenari : troppo vecchi e bassi , no ? La torre li svecchia un pó . Stefano Cianfanti chiede : ‘Tutti si lamentano , ma come rottamiamo il carbone ? ‘’ . Bill Gates ha idee diverse . Ma Claudia Arletti lo ignora . Fa bene . Vive tanto lontano , in America. Come può capire un problema dell ‘Italia ?  E poi perché non va lui , Bill Gates , da Stefano Cianfoni  ? ( chi crede di essere ? Il piú ricco del mondo ? ) Tutti , non solo i politici , dovremmo piangere per la morte di ‘’ Anest’’ .  Ancora meglio : dovremmo abolire l ‘ agricoltura .  Perché bisogna scegliere , alla fine. Tra energia e cibo . Non si puó avere tutto . E i pannelli solari vogliono spazio . Brava Claudia . Non è vero che il nuovo target di Repubblica sono i deficienti.

E Labas che dice ?

L’ ho persa. Era una foto di Parigi, subito prima del coronavirus. In centro, non ricordo dove. C’ era un palazzo e un cantiere. Con , a fianco , un edificio .Di quattro piani , tutto di container . Stava bene, anche lí , in una piazza storica. Era momentaneo . Appena finiti i lavori era da smontare e riusare altrove.Mi è tornato in mente giorni fa. Leggevo Repubblica , un articolo di Valerio Varesi sui ‘Prati di Capraia’ . Che è un’ex zona abbandonata , divenuta bosco spontaneo. Lo vogliono lottizzare. Farci delle villette, con la scusa che parte del verde sarà pubblico. Tipo periferia di Varese. Non è questo che manca, a Bologna . È l ‘edilizia ‘ sociale’ . Cioè bilocali presentabili, a 400 euro al mese. Vicini al centro . Come quello di un video di uno studente olandese , su YouTube. Che presenta entusiasta la sua casa container . Ad Amsterdam , in un enorme studentato. Andrebbe replicato a Bologna. Dove ? Sotto lo dico.
.
A 400 metri dalla Stazione c’è una ex area industriale . Abbandonata e immensa. A disposizione del comune. Dentro ci starebbe ,quasi ,‘’City Life’’ , il nuovo quartiere di Milano. Quello dei grattacieli . Questa area si chiama Dumbo. Finirá usata per eventi e sagre. Ben reclamizzati e subito dimenticati . Peccato , perché è una manna. Pari al bosco dei Prati di Capraia . Sarenbe perfetto per l ‘ edilizia sociale . Sul modello dello studentato di Amsterdam . In sostanza : case popolari ,ma belle e ‘fighe’ come uscite dalla IKEA.
Perché non interessa a nessuno?
E i centri sociali che dicono?

Lepida a chi la merita

Ricevo una mail  dal Comune di Modena. Mi chiede  di rinnovare il ‘fascicolo sanitario elettronico’. Che è una cosa di utilità nascosta.

Che qualche scettico paragona alla ruota  quadrata e alla motocicletta a pedali. ‘ Lepida’ , la sua nuova versione ,  è tanto laboriosa .  Ed è giusto così. Perché sarà non per tutti ma per chi la merita.Così dichiara Ludovica Carla Ferrari. Il problema sarà scremare gli utenti meritevoli. Già pronto un suggerimento, dai ragazzi di Modena Smart. Per rafforzare la motivazione dei richiedenti.

È una lista di dati da fornire, in aggiunta a quelli vecchi : codice fiscale dei parenti fino al sesto grado , mappa catastale delle loro case, la  pagella  del terzo trimestre della seconda media. Assieme al codice fiscale degli insegnanti, si capisce. Piú ambiziosa Ludovica Carla Ferrari. Che dichiara :

‘’ Non c’ è , anche tra gli aspiranti utenti , il tema della disparitá di genere ? Dovrei essere ‘gender blind ‘  ? Per me no.

Darei , potendo, la priorità all’utente donna. Alla donna giovane che lavora. Che lavora e studia. Che lavora , studia ed è in cinta di sette mesi. O che è in cinta di otto  , lavora , studia e  fa la trapezista al  Circo Togni.”

Scartata , al momento , l’ altra proposta . Sempre del gruppo Modena Smart. Che vorrebbe una passeggiata certificata, sui carboni ardenti. Giudicata di gusto televisivo e vecchiarella.

Comunque il messaggio di Lepida.it è chiaro :

innovazione digitale a chi la merita.

Perché , come ripete Ludovica , bisogna guadagnarsele le cose, diosanto.

La zia di Bonaccini : dal quartiere operaio a Oliviero Toscani puntata 1

Puntata 1

La zia di Bonaccini:

dal quartiere operaio

a Oliviero Toscani

È davanti al Mercato Ortofrutticolo di Modena. Nell ‘enorme parcheggio di Via Gandhi. All’ esterno sembra un tendone da fiera, o una piscina coperta.  C’ è una bacheca e un tavolo con  locandine . E intorno i volontari di Modena city life. Io sono qui per  documentarmi .

 Per vedere questa ‘Para – Coop ‘. Che è la risposta del gruppo ‘ Modena smart’ , del Comune di Modena , all’ emergenza coronavirus. Prima di venire ho aperto la app Easy Coop, sul telefonino. Ho fatto la spesa e pagato . Come su Amazon, identico. Alla fine la schermata mi chiede : ‘Dove ritiri? ‘ .

E mi da tre scelte : esterno  Portali , Mercato ortofrutta e infine ‘’ Altro” . Io scelgo Mercato. Ed eccomi qua, a ritirare in Via Gandhi, al tendone . C’è un banchetto all’ingresso . Come per le raccolte di firme. Una ragazza si alza, mi dá un volantino e mi dice cosa fare. Cioè mostrare  la ricevuta all ‘ operatore  . Che entra , prende il carrello e me lo consegna . Tutto qua.

Bene. Io le dico che sto scrivendo questo post. Lei mi previene . Mi dá  le risposte alle domande frequenti . ‘Sempre le stesse. ‘  dice.

“Partiamo da ‘Carrelli facili ‘, che è l’iniziativa gemella , ai Portali.  È nel retro , all ‘ingresso del magazzino. All ‘interno fanno tutto. Grazie a personale specializzato . I clienti ‘normali ‘  neanche li vedono. Ogni giorno 100 consegne. Non uno scherzo.”

No, faccio io.

Poi continua . Per farla corta dice che  ‘’Para Coop”  é piú grande di   “Carrelli facili “. Gestisce duecento carrelli al giorno. Nella stessa fascia oraria . Cioé dalle 18 alle 20. Poi dice che la pandemia ha travolto tutti.  Ma per loro , quelli di Modena smart , è un esame atroce . E ci sarebbe da fare un discorso . Ma si interrompe.

Sta arrivando gente. E dice:

“Facciamo cosí . Io le dó un numero di Skype. Chi risponde sa tutti i retroscena. E parlerebbe per ore’’

‘’É questa signora.”,dice. E indica il manifesto ormai famoso, di Oliviero Toscani. Dove si vede il carrello colmo e lo slogan ( i fatti parlano piú forte della parole) .

‘’ È la zia di Stefano Bonaccini. Abita in Via Gramsci. Le spiega come è nato  tutto. E le novità di Para Coop. Vedrá che roba. Tutto questo è ancora niente. ‘’

(continua)

Lettera a Ludovica Carla Ferrari

        

Chiedo 2 minuti , come cittadino. Per riflettere su un fatto. Tra poco dovró uscire di casa , come i peggiori podisti . Per attraversare Modena e avere una ricetta cartacea. Nonostante abbia il ‘fascicolo sanitario elettronico’. Che non serve per le ricette ripetitive , se non sono mutuabili. In pratica una presa in giro .Perché ?  Chi ha preso questa decisione? Perché nessuno se ne è accorto?  Non meriterebbe un servizio delle Jene? O una seria inchiesta della Gazzetta di Modena?

Poi. Dovró fare la fila  alle poste. Per una raccomandata. Nonostante abbia Poste-Cert . Il cui utilizzo è infernale. E mi fermo qui . Potrei continuare con il trasporto urbano . Non esiste una app che mi faccia vedere il mio autobus in tempo reale . Come una lucina su una  mappa . Che mi dica , sempre in tempo reale , i posti liberi. Cosí , in una emergenza sanitaria, ognuno  fa le sue scelte. In base a salute , inclinazione al rischio e altro .

Cara Ludovica Carla Ferrari , la sua  ‘Modena smart’ sembra bella. Lo dico senza ironia. A patto che funzioni. Così sembra Il nuovo ponte di Genova. Luccicante ma non utilissimo: manca l ‘ ultima campata. Quando la mettiamo?

Io, come cittadino, non sono disastrato del tutto. Ricevo Repubblica e il New York Times sul telefonino. Pago con Google Pay etc. ( c’ è di peggio, dai). Ma davanti alla raccomandata on line mi arrendo. Faccia Lei. \

Buona giornata.